Verona, fantacalcio 2022/2023: guida ai giocatori da comprare

112

fiamme verona

I consigli sui giocatori dell’Hellas Verona per il fantacalcio 2022/2023: possibili titolari, sorprese e top players

Il Verona ha cambiato molto. Non solo è andato via Tudor, autore di un campionato strepitoso, ma ha salutato anche Tony D’Amico, l’artefice di tutti i colpi più importanti degli ultimi anni. Al loro posto sono arrivati Marroccu e Cioffi per provare a continuare il trend delle ultime stagioni. Tuttavia, la squadra ha detto addio a Casale e Caprari e si appresta a salutare Simeone e forse Barak e Ilic. L’atmosfera non è delle più serene perchè, finora, sono arrivati tre attaccanti (Piccoli, Henry e Djuric) e un giovanissimo esterno (Doig) e nulla più. Alla squadra mancano almeno un centrale di difesa, un centrocampista e una seconda punta e se partissero altri big servirebbero ulteriori rinforzi. La situazione si sta facendo tesa e molto potrebbe ancora cambiare. Al momento la squadra è in un limbo. Vedremo se ne uscirà da qui a fine mercato.

Probabile formazione

Cioffi sembra orientato a puntare su una sorta di 3-4-1-2 con due punte pesanti in avanti. Davanti a Montipò, dunque, la linea difensiva al momento è composta da Dawidowicz, Gunter e Ceccherini. A centrocampo, le fasce rimangono immutate con Faraoni a destra e Lazovic a sinistra. Al centro fiducia ancora a Ilic e Tameze mentre Barak dovrebbe agire da trequartista dietro Henry e Lasagna. Attenzione, però, perchè Simeone è ancora a Verona e in più ci sono Djuric e Piccoli che non partono come riserve.

Difesa: manca il top dietro

Montipò è senza dubbio un portiere affidabile, ma dietro ha una difesa che balla parecchio e che al momento non è stata rinforzata. L’accoppiamento migliore poi è con la Lazio, quindi potrebbero andarsene molti crediti. Valutate bene, ma diciamo che si può prendere di meglio. La difesa manca del top. Ceccherini, Dawidowicz e Gunter sono ottavi slot in leghe numerosi, quindi poco consigliabili. Tra i centrali, Amione e Coppola potrebbero essere delle sorprese, ma anche qui, o li prendete come tali perchè avete già un bel pacchetto di difensori, o lasciate perdere. Tra gli esterni, Faraoni ha visto diminuire i suoi bonus, ma rimane un buon quinto slot, mentre per Doig vale lo stesso discorso fatto per Coppola e Amione.

Centrocampo: Barak e Ilic in bilico

Barak e Ilic al momento non sono sicuri di restare. Tuttavia, soprattutto il primo, rimane un giocatore da primi tre posti. Se cambiasse squadra forse il suo rendimento potrebbe risentirne, ma a sei-sette gol rimangono comunque nelle sue corde. Diverso il discorso per Ilic. Si tratta di un centrocampista che finora non ha mostrato un particolare feeling con i bonus. Tuttavia, se andasse alla Lazio, il suo rendimento potrebbe aumentare parecchio, passando da ottavo slot a quarto-quinto. Seguitene dunque l’evoluzione. L’altro centrocampista consigliato è Tameze. Si tratta di un giocatore consigliato come sesto-settimo soprattutto in leghe numerose. Stesso discorso per Lazovic. Tutti gli altri giocatori della rosa, compresi Praszelik, Hongla e Veloso, al momento hanno un basso tasso di convenienza.

Attacco: Henry come Simeone?

In rosa nel Verona ad oggi c’è ancora Simeone, ma l’attaccante sembra destinato al Napoli. Se alla fine tale affare si concretizzerà, la sua convenienza sarà pari a zero a meno di non prenderlo in coppia con Osimhen. Di tutti gli altri attaccanti, Henry sembra quello con maggiori probabilità da doppia cifra. Già lo scorso anno a Venezia ne mise a segno 9. Con una squadra più strutturata come quella scaligera, quota 10-12 non dovrebbe essere impossibile. Per quel che riguarda gli altri attaccanti, Djuricic sembra essere più un comprimario, mentre maggiori chanches di giocare dovrebbero avere Lasagna e Piccoli.

AGGIORNAMENTO A CHIUSURA MERCATO

Il Verona ha ceduto Barak e Simeone. Il posto del bomber argentino era già stato preso da Henry, mentre per il centrocampo sono arrivati Hrustic e Verdi. In difesa poi sono stati presi Hien e Cabal. Diciamo subito che Verdi può trovare a Verona il suo ambiente ideale. Può essere consigliato come ultimo slot. Hrustic è invece un giocatore con buona esperienza e una discreta tecnica di base, ma che al momento rappresenta una incognita. Consigliato in leghe numerose. In difesa meglio Hien di Cabal. Lo svedese può essere una buona sorpresa in difesa.